In casa mia ci sono sempre state lastre, rullini e materiale fotografico. Mio bisnonno, mio nonno e mia mamma erano fotografi e per loro fotografare oltre ad essere un lavoro era una passione. Impressionavano lastre in vetro al bromuro d’argento che in parte sono conservate al Museo della fotografia Sestini (i negativi di Eugenio Goglio) e in parte posseggo ancora io (negativi di Fulvio e Dolores Goglio)

Ora ho deciso di riscoprire, salvaguardare e condividere questo pezzo di storia della Valle Brembana.

Ho quindi deciso di non stampare ma digitalizzare questo patrimonio in modo di renderlo fruibile al più alto numero di persone possibile.

Molti posti e molte persone sono per me sconosciuti per questo chiedo a chi visiterà il sito di partecipare alla ricerca di nomi, luoghi, date, aneddoti riguardanti le immagini qui riprodotte.

Creeremo cosi un archivio di informazioni sulla Valle Brembana e il suo popolo.

Il mio sogno è poter un giorno fare un libro fotografico con tutte queste immagini e informazioni.